Caldo e colpi di calore: bambini mai da soli in macchina

Il caldo è arrivato portandosi dietro, come ogni estate, il rischio dei colpi di calore conseguenti alla eccessiva esposizione a temperature elevate. Il problema riguarda tutti grandi e piccoli ma particolare attenzione deve essere posta ai più piccoli. Vediamo perché.

I neonati e i bambini hanno una ridotta superificie corporea per questo, quando fa molto caldo, sono più esposti degli adulti al rischio di aumento della temperatura corporea (ipertermia) e a disidratazione (perdita di liquidi) con conseguenti effetti dannosi sul sistema cardiocircolatorio, respiratorio, neurologico.

A dirlo sono gli esperti del Ministero della Salute che ci ricordano, a tal  proposito, che nei piccoli la temperatura corporea aumenta con una velocità da 3 a 5 volte superiore a quella dell’adulto e che all’interno di una macchina quando fa molto caldo la temperatura può aumentare da 10° a 15°C ogni 15 minuti. 

In queste condizioni l’ipertermia può manifestarsi anche dopo soli 20 minuti: anche nelle giornate fresche può capitare perché l’auto si surriscalda soprattutto se lasciata parcheggiata al sole.

Mai lasciare i bambini da soli in auto quindi. Questo può succedere: a volte i genitori lasciano il bambino in macchina per fare qualche veloce commissione o purtroppo, talvolta è successo, dimentica il bambino in macchina.

Per favorire la prevenzione di questi “incidenti” il Ministero della Salute ha elaborato una guida   “Estate sicura, mai lasciare i bambini da soli in macchina. Attenti ai colpi di calore” (allegata) che contiene consigli tanto semplici quanto utili. Eccone in sintesi alcuni:

  • se si trasporta il bambino sul sedile posteriore lasciare i propri oggetti personali (borsa, chiavi, telefono) accanto al piccolo
  • appoggiare gli effetti personali (biberon, pannolini) del bambino sul sedile anteriore
  • installare un dispositivo sonoro o luminoso che si attiva quando si spegne il motore o si scende dalla macchina.

Leave a Reply